Seleziona una pagina

Gli impianti idrotermosanitari sono sicuramente uno dei principali fra gli interventi necessari e imprescindibili quando si intraprende il tortuoso percorso legato ad un’abitazione di nuova costruzione, piuttosto che alla ristrutturazione di un immobile preesistente.

Viene da se che la progettazione di impianti idrotermosanitari richiede particolare cura, poiché gli sessi, permettono di veicolare l’acqua potabile all’interno dell’abitazione, scaricando al contrario le acque reflue negli impianti fognari.

Nello specifico, l’impianto idrico-sanitario assurge il compito di  addurre e distribuire l’acqua fredda e calda ad uso sanitario ad ogni utenza domestica, e di allontanare la stessa mediante la rete di scarico, una volta utilizzata.

Impianti idrotemosanitari cosa sono e come vengono realizzati

Gli impianti impianti idrotermosanitari vengono realizzati mediante l’impiego di tubazioni in multistrato isolato, questo al fine di soddisfare le normative vigenti e gli elevati standard di qualità, sicurezza e affidabilità necessari a garantirne efficienza e durata nel tempo.

La rete di scarico che costituisce l’impianto idrotermosanitario viene realizzata, come anticipato, mediante l’uso di tubazioni in multistrato isolato o polipropilene ad installazione bicchiere ad innesto o ancora per mezzo di tubazioni in pe-hd che richiedono saldatura.

Negli immobili che lo richiedono, possono essere altresì impiegati materiali isolati acusticamente, volti a garantire l’isolamento acustico del rumore, indotto per via strutturale e/o aerea.

In linea generale, l’impianto idrotermosanitario può essere realizzato mediante due differenti modalità:

  • Metodo in deviazione: rappresenta un sistema che, grazie a raccordi a “T”, permette di collegare in serie tutti gli apparecchi sanitari alla rete di distribuzione idrica, di solito grazie alla presenza di tubazioni rigide.
  • Metodo a collettore: prevede l’installazione di una tubazione che, partendo da un collettore con funzione di distribuzione centrale idrica, giunge ai singoli sanitari. Punto di forza di tale metodologia è rappresentato dalla presenza di un singolo tubo, in grado di raggiungere e servire ogni punto di erogazione dislocato all’interno dell’abitazione.

 Multistrato isolato e impianti idrotermosanitari: tutti i vantaggi

 Il multistrato, accorpando gli aspetti positivi legati alla combinazione metallo-plastica, garantisce una riduzione sostanziale delle possibili dispersioni termiche, un’altissima resistenza alle  temperature elevate così come alla pressione interna, nonché una durata ottimale nel tempo unitamente alla totale e completa organoletticità con l’acqua potabile destinata al consumo umano. 

Al contempo, anche il conseguente isolamento delle tubazioni, restituisce innumerevoli vantaggi.

 Permette infatti di preservare le tubature dalla corrosione e di evitare la condensazione esterna per le condutture di acqua fredda o la dissipazione del calore per quelle di acqua calda.

In ultimo, ma non certo in ordine di importanza, permette di attutire rumori e vibrazioni comportate dalla pressione elevata dell’acqua.

La messa in opera di impianti idrotermosanitari richiede attenzione, competenza e professionalità: rivolgiti anche tu ad un professionista del settore: ThermoHouse è a tua disposizione per fornirti tutte le informazioni che cerchi, sviluppando insieme a te la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Richiedi subito un preventivo gratuito.